lunedì 16 aprile 2012

Più di 400 bambini rimasti fuori dalla materna: è vera emergenza



Sono state recentemente pubblicate le graduatorie per l’ammissione alle scuola dell’infanzia. I dati sono devastanti.  Alla Scuola Scarpe sciolte a fronte di ben 324 domande ne sono state accolte 69. Alla scuola Simpatiche  canaglie a fronte di ben 221 domande ne sono state accolte 60. Nel primo caso, pertanto, è entrato solo il 21% dei bambini nel secondo caso il 27%. Dati che impressionano e che costituiscono un record in tutta Roma per quanto riguarda il numero di domande in una sola scuola. Inoltre rappresentano assieme ad una scuola materna della borgata finocchio  il fanalino di coda di tutto il Municipio VIII per quanto riguarda la percentuale dei bimbi ammessi.

 E’ totale emergenza. 

Si consideri che in altre parti semiperiferiche di Roma ma anche in altre scuole del Municipio VIII entrano di norma tra il 40-50% di bambini.
Peraltro il nostro quartiere è una specie di isola nella campagna romana e se non trovi posto nelle due scuole si  è costretti ad andare in una Materna privata, spendendo tantissimi soldi, addirittura in altri quartieri.

Ma perché si è arrivati a tanto? Da una parte il nostro quartiere è abitato soprattutto da giovani coppie che sono venute ad abitare in queste zone e di conseguenza il tasso di natalità è molto più elevato che in tutta Roma. Ma soprattutto i quartieri limitrofi, (Colle degli Abeti, Castelverde, Colle Prenestino), anch’essi popolati da giovani coppie  non hanno scuole materne e devono per forze d cose fare domande alla scuole materne di Nuova ponte di nona. La situazione di emergenza è pertanto in tutto il quadrante Prenestino-Collatino fino a Rocca Cencia. Una politica miope e assente nel corso degli anni ha fatto sì che la costruzione di migliaia di appartamenti non è andata  di pari passo alla costruzione di nuove scuole.

A questo punto, però, bisogna intervenire ed intervenire subito. 

Nel breve è necessario aumentare i posti disponibili, previa ricognizione delle strutture esistenti nel territorio. Inoltre è necessario finanziare e iniziare con urgenza i lavoro di nuove scuole, considerando che la popolazione scolastica nelle nostre scuole è destinata ad aumentare ancora esponenzialmente.

I nostri appartamenti (Nuova ponte di nona - Lunghezza - Colle degli Abeti)  sono stato costruiti sul presupposto della istituzione della centralità metropolitana, in un ottica di una città policentrica. Apparrtamenti sì ma anche servizi. Qui mancano addirittura le scuole. Perché allora. ad esempio,  non sfruttare anche la convenzione M2 del centro commerciale per costruire un polo scolastico a vantaggio di tutto il territorio? Bisogna darsi una svegliata altrimenti la situazione rischia di precipitare.
Bruno Foresti
Presidente Cdq

Acr Ponte di nona: prima festa del quartiere

L'associazione culturale ricreativa Ponte di nona propone, per il primo di luglio,  la prima festa del quartiere 10:00  – apertura s...