lunedì 24 dicembre 2012

Auguri di buon Natale e felice anno nuovo!



A tutti i cittadini facciamo i nostri migliori auguri di un Buon Natale e di un felice anno nuovo!

Luce, speranza, rinascita a vita nuova, questo il nostro augurio, per tutti voi! In fondo Betlemme non era esattamente Gerusalemme, ma una sconosciuta località di ... periferia della terra di Israele. 

Questo è stato un anno speciale per noi, perché ci siamo costituiti come comitato. L'attività, poi, è stata molto intensa, nella speranza che almeno per un poco sia servita per migliorare le sorti del nostro quartiere. Da parte nostra c'è, il desiderio di continuare ad affrontare e risolvere  i problemi di un giovane quartiere periferico in questa difficile ma straordinaria città.

Abbiamo in programma tante iniziative, soprattutto con la bella stagione! Speriamo che l'attività del Comitato di quartiere non serva solamente come cassa di risonanza per le problematiche del quartiere  ma anche come strumento di aiuto reciproco, aggregazione e di condivisione tra i cittadini. 

Un grazie a tutti voi e ancora auguri a voi e ai vostri cari.

Il direttivo del Comitato di Quartiere

sabato 22 dicembre 2012

ACEA: sbalzi di corrente continui...elettrodomestici in fumo!



E' da circa un mese che in tutto il quartiere ci sono sbalzi di corrente, fin anche a black out di durate minime, che provocano danni seri a tutti gli elettrodomestici degli abitanti del quartiere: PC, notebook, frigo, lampadine, forni a microonde, etc. etc. 

Come Comitato di Quartiere abbiamo raccolto la segnalazione sul nostro gruppo Facebook, di diversi cittadini che lamentano il problema e, purtroppo, i danni. Abbiamo quindi inviato una segnalazione formale all'ACEA (distribuzione ed energia) che dovrà rispondere entro 40 gg, pena il procedimento da parte dell' Autorità per l'Energia elettrica e per il Gas

Invitiamo tutti i cittadini a fare anche le singole segnalazioni (utilizzando questo PDF per la maggior tutela o per il mercato libero) e speriamo che questo "smuova" ACEA per la risoluzione del problema.

CARMINE D'ANZICA
Direttivo CDQ



mercoledì 19 dicembre 2012

Ancora case nel quartiere di giovani coppie, ma niente scuole... "solo" un centro anziani di 21 milioni



Dove doveva sorgere un centro sportivo o comunque edifici a destinazione d'uso non residenziale ed invece verranno costruite altre tre palazzine nuove di zecca. Zona: lembo di terra tra la vecchia ponte di nona chiusa al traffico e scuola materna. Con cambio di destinazione d'uso, chiesto con la legge del piano casa della Regione Lazio.  Il nostro quartiere, costruito con una convenzione urbanistica che prevedeva delicati equilibri tra residenziale e non residenziale in relazione alle opere di urbanizzazione secondaria, tra le quali ci sono le scuole, rischia di essere stravolta.

Ma l'aspetto tragicomico è che recentemente è stato pubblicato dalla Giunta Polverini il Regolamento con la quale si dà attuazione alla norma del c.d. "piano casa" che consente interventi su edifici per cambi di destinazione d'uso da non residenziale a residenziale, impegnando a destinare una quota non inferiore al 30% della superficie complessiva oggetto di trasformazione alla locazione a canone calmierato per l'edilizia sociale.

In particolare, si prevede che il diritto a questa tipologia di abitazione con canone calmierato spetterà a giovani coppie sotto i 35 anni. Ma con quale criterio è stato scelto anche il nostro quartiere? Piccolo particolare, ma queste povere giovani coppie a basso reddito potranno portare i loro figli alla materna? Troveranno posto nel quartiere alla scuola primaria?

No, la risposta è sotto gli occhi di tutti.

I numeri dell'emergenza sono stati pubblicati: nel nostro quadrante si continua a costruire e a densificare senza finanziare una scuola che sia una. Eclatante è stata la recente densificazione del piano di Zona Castelverde b4, a pochissima distanza da noi,  che ha previsto l'aumento di 1.200 abitanti senza che sia stata previsto il finanziamento di una scuola.

Non ci sono i soldi. Ci dicono. Quest'anno è stato inaugurato un centro residenziale per anziani del costo di più di 21 milioni di euro, nel quartiere più giovane di Roma. 21 Milioni spesi dal Comune nel quartiere  - non a favore degli abitanti del quartiere - i quali non sanno dove mandare i loro figli a scuola nei prossimi anni. La politica le azzecca tutte.

BRUNO FORESTI
Presidente

lunedì 17 dicembre 2012

Fumi: Incontro in Commissione Sicurezza di Roma Capitale

Il giorno 11 dicembre 2012 si è svolto l'incontro in Commissione Sicurezza del Comune di Roma. L'incontro, chiesto a gran voce dal CdQ Nuova Ponte di Nona, ha trovato sponda nel consigliere comunale Dario Nanni che se ne è fatto promotre. Lo ringraziamo.

La Commissione, presieduta dal Consigliere comunale Fabrizio Santori, ha quindi ricevuto il CdQ Nuova Ponte di nona sulla questione fumi dal Campo Nomadi di Via di Salone. A tale incontro, oltre ovviamente al consigliere Nanni, era presente anche il Gruppo Sicurezza Pubblica ed Emergenziale della Polizia di Roma Capitale al quale il CdQ e i diversi cittadini hanno già in passato trasmesso numerosi fax di segnalazione per la questione fumi. Presente anche il Consigliere municipale Daniele Grasso.

Inizialmente sono intervenuti Dario Nanni e Daniele Grasso per spiegare la grave situazione che si è venuta a creare presso il Campo nomadi di salone, richiedendo una presenza maggiore delle forze di polizia municipale e un maggior controllo del territorio, al fine di risolvere la question con estrema urgenza.

Successivamente è stata data la parola a Bruno Foresti (Presidente del CdQ) che ha denunciato la situazione divenuta ormai insostenibile. Lo stesso ha raccontato dei disagi che i cittadini del quartiere stanno sopportando ormai da due anni e che mettono in  serio pericolo la salute degli stessi e dei piccoli abitanti del quartiere (http://www.nuovapontedinona.org/2012/11/fumi-nocivi-il-comitato-fa-un-esposto.html).

Bruno Foresti ha poi a nome del CdQ, consegnato un dossier sui fumi (che verrà messo agli atti della Commissione) che comprende tutta l’attività svolta dal Comitato: esposti a tutte le autorità e articoli pubblicati sul nostro sito; articoli di giornale; l’interrogazione al Sindaco di Dario Nanni; la mozione approvata dal Municipio all'unanimità che chiede la risoluzione della questione; le foto scattate e pubblicate nel gruppo FB del CdQ.

Successivamente, sempre in Commissione, è stato mostrato il video che ben conoscete e che riproponiamo qui di seguito.


Quindi ha preso la parola il Presidente Santori, affermando che in tutta Roma, nei campi autorizzati, solo a Salone, Via salviati e in un altro campo avvengono questi roghi e che la questione deve essere affrontata. Santori ha poi dichiarato di voler chiedere un maggior controllo del territorio, facendo una riunione con tutti i responsabili dei distaccamenti dei Municipi di Roma e intende fare la riunione proprio a Ponte di nona.

Quindi, Filippi intervenuto in commissione per conto del Gruppo Sicurezza Pubblica ed Emergenziale della Polizia di Roma Capitale, ha relazionato su tutti gli interventi che hanno effettuato nel Campo di Salone: negli ultimi due anni sono intervenuti 120 volte a seguito degli incendi accessi nei pressi del Campo; hanno effettuato il sequestro penale dell’area dell’Italgas e recentemente, dopo l’estate, il sequestro di un'altra area intorno al campo nomadi, denunciando alla procura della Repubblica svariate persone; per poter effettuare il sequestro penale, hanno dovuto effettuare una attività di indagine in base alla quale hanno identificato i responsabili di una organizzazione che acquista o comunque preleva rifiuti per ricavarne metalli e rivenderli; hanno confiscato non molto tempo fa autocarri pieni di materiali con i quali portavano i rifiuti e hanno individuato i conti correnti nei quali provenivano i proventi di questa attività illecita.

Ora è tutto in mano alla procura della Repubblica. 

La loro proposta e' quella di sollecitare la bonifica dei terreni circostanti il campo nomadi e continuare ad effettuare prevenzione con pattuglie di passaggio con repressione e confisca degli autocarri che portano dentro materiale di scarto. 

Siamo stati contenti di apprendere questa importante attività di indagine effettuata dal Gruppo emergenziale sulla sicurezza ma abbiamo fatto notare che i fumi sono continuati successivamente a tali attività.

Abbiamo quindi poi posto una domanda (quasi ovvia...): perché i fumi sono continuati sino a qualche giorno antecedente l'incontro in Commissione? A loro dire si tratterebbe di roghi con materiale raccolti nei mesi precedenti e che per risolvere questo problema sarebbe necessaria una bonifica da parte dei proprietari dei terreni.

Il problema messo in luce dallo stesso Presidente Santori sarebbe l'attuale scarsità di risorse: attualmente una volta al giorno passa una pattuglia della polizia municipale ma ciò non è ovviamente sufficiente. Di qui la decisione di Santori di chiedere maggiori pattugliamenti nella zona e di riunirsi nuovamente nella sede di Nuova Ponte di Nona  insieme ai responsabili dei Municipi interessati dai campi nomadi dove avvengono questi reati (salone VIII municipio, salviati V municipio e candoni XV municipio) per richiedere una presenza fissa presso i campi o almeno un maggior pattugliamento con l'apporto delle unità territoriali della polizia municipale e non solo del gruppo sicurezza pubblica ed emergenziale.

Speriamo che alle parole seguano i fatti!

lunedì 10 dicembre 2012

L'I.C. Nuovo Ponte di Nona: i numeri ufficiali dell'emergenza!


A seguito delle nostre sollecitazioni in Municipio e al Provveditorato,  l'Istituto Comprensivo di Nuova Ponte di nona ci scrive. Si è espresso con favore al nostro interessamento per la prevedibile grave carenza di aule per accogliere gli alunni della scuola primaria nel prossimo anno scolastico, e ci fornisce i dati ufficiali dell'emergenza.  Alle primarie negli ultimi tre anni c'è stato un aumento di 15 classi, con il ritmo di 5 classi all'anno!!! L'Istituto ci conferma che sta sollecitando le Istituzioni competenti (MIUR – Comune – Municipio), al fine di trovare in tempi congrui con l’avvio del prossimo anno scolastico le possibili soluzioni.

.https://docs.google.com/open?id=12_Z2O_J3xB6shT7Ne5XnVdsJB0ad616fIQ1oCsSn25fzgRXVEWP-1msGkdB_

mercoledì 5 dicembre 2012

Emergenza scuole primarie a Ponte di Nona: dove porteremo a scuola i nostri figli?

E' vera emergenza scuola dell'obbligo nel nostro quartiere. Già all'assemblea pubblica organizzata dal nostro Comitato assieme al Comitato di quartiere di Colle degli Abeti del 18 maggio 2012, i dirigenti dei due Istituti Comprensivi del nostro territorio, Ponte di nona vecchio e nuovo Ponte di nona, avevano lanciato il grido di allarme: i posti a disposizione stanno finendo. Grido di allarme ribadito all'assemblea pubblica del 10 luglio.

A luglio, il Dirigente del nostro Istituto comprensivo scrive al Municipio e al Comitato per conoscenza: risolvete il problema! questo il documento:

In questi giorni il comitati di quartiere è andato a parlare con gli insegnanti,  collaboratori dei dirigenti per verificare la questione.

Vediamo cosa sta succedendo all'IC Nuovo Ponte di Nona.
Quest'anno tra le scuole primarie Piazza Muggia e la Corbellini si sono formate ben 9 classi prime. Per far fronte a tante iscrizioni, il Municipio ha dovuto tramezzare le ultime aule rimaste a disposizione. L'anno prossimo 2013/2014 dalle due scuole (Muggia e Corbellini) usciranno  5 quinte, pertanto si libereranno  solamente 5 aule.  Tuttavia è lecito pensare che nell'anno scolastico 2013/20124  il numero di iscrizione all'Istituto Comprensivo Nuovo ponte di nona saranno quanto meno uguali all'anno precedente, vale a dire 9 classi prime e quindi sarà necessario reperire ben quattro aule in più!!! Ma nelle strutture facenti capo all'Istituto comprensivo nuovo ponte di nona ciò non è possibile! Tutto pieno! Badate, sono stime calcolate per difetto, considerando che negli ultimi anni c'è stato un tasso di crescita nelle primarie di ben una classe all'anno, e che quindi gli iscritti per l'anno prossimo potrebbero anche essere superiori a quelli di quest'anno.

Che significa tutto ciò? Che l'anno prossimo se non verranno date ulteriori aule all'istituto comprensivo Nuovo ponte di Nona, solamente circa la metà dei richiedenti potranno far ingresso a quell'istituto comprensivo!!! Ma dove potranno andare i bambini? All'IC Ponte di Nona Vecchio?  Verifichiamo. A quell'istituto fanno capo la scuola primaria Ciriello, la Martelli e la Prampolini.

Nella scuola primaria Ciriello non ci sono assolutamente eccedenze di aule: 15 classi che riempiono tutto l'edificio nel secondo piano. Nel primo piano è presente la scuola materna statale che registra il tutto esaurito. Nella scuola Martelli, a Lunghezza, stesso discorso, tanto è vero che da quest'anno una prima della primaria e una prima della secondaria sono dovute migrare alla Prampolini, nel nostro quartiere. Edificio dove attualmente sono presenti una classe prima della primaria, una classe prima della secondaria e due classi seconde della secondaria.
Da una verifica effettuata dal direttivo del Comitato di quartiere, attualmente le uniche aule disponibili si troverebbero proprio nell'edificio sito in via Prampolini, al piano terra e al primo piano. Speriamo che tali aule potranno bastare per soddisfare le esigenze del prossimo anno e negli anni successivi! Il dramma vero avverrà negli anni successivi, a partire dell'anno scolastico 2014/2015, quando le aule a disposizione molto probabilmente potrebbero finire e molti bimbi di Prato fiorito, Lunghezza, Nuova Ponte di nona e Colle degli abeti, non sapranno dove andare!!!!

Il Comitato di Quartiere oltre ad avere denunciato al questione durante le assemblee e in una nota a Luglio, ha scritto recentemente all'Ufficio regionale scolastico della Regione Lazio, il quale, a sua volta,  ha scritto al Municipio in questo modo:

Facendo seguito alla segnalazione del Comitato di quartiere Nuova Ponte di Nona  - Roma est 
del 18 luglio 2012, che ad ogni buon fine si allega alla presente, si chiede ai responsabili degli Uffici competenti di codesto Municipio sollecite proposte risolutive circa la situazione presentata nella suddetta segnalazione. 
Con la presente si richiede, inoltre, al Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo in 
questione di informare questo Ufficio con una puntuale e circostanziata relazione sulla situazione in parola, al fine di rendere possibile una risoluzione del problema segnalato dal predetto comitato e garantire, pertanto, il regolare funzionamento dell’Istituto scolastico ed il diritto allo studio.

Questo il documento:

Ora attendiamo risposte dal Municipio e dal provveditorato e attendiamo di essere convocati per verificare la questione!!!

E' bene nel frattempo che tutti i cittadini siano informati della vicenda!





Designazione cariche di Presidenza Direttivo del CdQ

P.R. CDQ: Facendo seguito l’esito delle votazioni del Consiglio Direttivo del Comitato di quartiere  ‘Nuova Ponte di Nona’  dello scorso ...