lunedì 25 giugno 2012

Resoconto dell'incontro con l'assessore Visconti



Venerdì 15 Giugno l’associazione Papillon, una associazione di detenuti che ha la sede nel Casale rosso del parco di nuova ponte di nona, ha organizzato un incontro con l’Assessore all’ambiente del comune di Roma Visconti e il funzionario della soprintendenza archeologica del nostro quadrante dott. Stefano Musco. Alla discussione ha partecipato anche il consigliere municipale Mancuso.
Noi del Comitato di quartiere, anche se non formalmente coinvolti, abbiamo partecipato all'incontro, come cittadini. 
I temi proposti dal presidente dell’associazione Papillon, Antonini, sono stati 3:
1) Salvaguardia e valorizzazione dei beni archeologici rinvenuti in zona
2) Gestione del parco pubblico di nuova ponte di nona
3) Incremento dei giochi pubblici nelle zone verdi di Ponte di Nona e Colle degli Abeti

Nel corso dell'incontro  Antonini  ha chiesto all'Assessore  un impegno affinché la manutenzione del parco venga affidata a qualche cooperativa in modo che venga mantenuto in condizioni migliori rispetto a quelle attuali.
Inoltre è stato chiesto un impegno per aumentare la dotazione del parco giochi della zona . L’Assessore si è mostrato molto disponibile ad inserire dei parchi giochi anche di una certa particolarmente ben fatti, di moderna concezione e adatti a diversa tipologia di utenza per età. A tal fine dovrebbe essere fatto un sopralluogo al fine di individuare grandi aree idonee, per grandezza e fruibilità, all’installazione di aree giochi.
La questione più dibattuta è stata quella della salvaguardia e valorizzazione dell’enorme patrimonio archeologico di zona. In merito a questo il dott. Musco ha descritto quanto la nostra zona sia importante  da un punto di vista archeologico. Ha ribadito che il nostro consorzio prima di costruire ha fatto tutti i sondaggi trovando molteplici ricchezze. La più importante è senza dubbio l’antica via Collatia che è stata interamente mappata e che lambisce il nostro quartiere. Ora questo prezioso ritrovamento è in uno stato di abbandono vergognoso quando invece potrebbe essere valorizzata fornendo al contempo importanza culturale e valorizzazione sociale ed economica alla nostra zona. Antonini a tal proposito ha chiesto all’assessore Visconti di implementare il progetto utilizzato già per altri siti in cui il lavoro è stato affidato a dei detenuti. Vi immaginate un parco della Collatina antica? A detta di Musco  Master Engineering sarebbe obbligata dalla  convenzione M2 (quella che ha permesso di costruire Il centro Commerciale Roma Est) alla costruzione di un parco archeologico in cui sia prevista la pulitura della strada e la costruzione di apposite strutture in grado di proteggere e rendere fruibile l’opera archeologica.  Il consigliere Mancuso ha affermato che anche il consorzio Ponte di Nona avrebbe obblighi in merito alla parte dell’Antica Collatia che va dal ponte di via Capetti fino al fosso Benzone. In merito a questo l’assessore Visconti, ha chiarito che per intervenire ha bisogno di avere chiara la visione rispetto a “chi spetta fare i lavori” e “che tipo di lavori deve fare”. Per tale motivo  ha voluto organizzare un incontro in cui si confronteranno i due consorzi, la soprintendenza archeologica, il consigliere Mancuso e su nostra esplicita richiesta durante la discussione anche il nostro comitato di quartiere oltre all’assessore, da cui dovrebbero scaturire chiare prospettive rispetto al futuro del parco archeologico e della salvaguardia dell’antica Collatia.

Carmine D'Anzica



giovedì 14 giugno 2012

L'Assessore all'Ambiente di Roma Capitale, Marco Visconti, incontra gli abitanti del quartiere






L'incontro, organizzato dall'Associazione papillon, si svolgerà domani, Venerdì 15 giugno, alle ore 18, presso gli spazi della Biblioteca del Casale Ponte di Nona , in via Raoul Chiodelli 103 (zona Nuova Ponte di Nona).


PARTECIPERÀ' ALL'INCONTRO IL DOTT. STEFANO MUSCO, FUNZIONARIO DELLA SOPRINTENDENZA SPECIALE AI BENI ARCHEOLOGICI DI ROMA

I principali argomenti oggetto dell'incontro saranno:

1) La difesa e la valorizzazione del patrimonio archeologico della zona emerso durante i lavori di realizzazione del quartiere e della ferrovia dell'alta velocità;

2) Ricercare una soluzione ragionevole ma stabile per garantire una manutenzione quotidiana del grande parco del quartiere che costeggia via Raoul Chiodelli – un parco che misura oltre 90 mila mq e conta una presenza di centinaia di alberi di varia dimensione - e iniziare al contempo l'istruttoria necessaria per aumentare i giochi di cui i bambini possono usufruire gratuitamente nel parco.

3) Garantire tempi certi per la presa in carico e la realizzazione delle finalità d'uso previste dalle convenzioni per tutte quelle aree non edificate di Nuova Ponte di Nona che i costruttori hanno riconsegnato o devono ancora riconsegnare a Roma Capitale.

Altri temi potranno essere posti all'attenzione dell'Assessore dagli abitanti dei quartieri limitrofi e dalle cooperative di lavoro che si occupano di ambiente.

Durante l'incontro sarà distribuita gratuitamente la Piccola Guida Storico Archeollogica della zona realizzata dall'Associazione Culturale Papillon-Rebibbia onlus.

Dalle ore 17,00 i cancelli del giardino di via Raoul Chiodelli saranno aperti a tutti per la festa per bambini e il mercatino organizzati dal gruppo MAMME LABORIOSE.

martedì 12 giugno 2012

Archeologia a Ponte di Nona: incontro con la sopraintendenza archeologica



Il Comitato di Quartiere Nuova Ponte di Nona (nelle persone di Foresti e D'Anzica)  è stato ricevuto dal responsabile per la soprintendenza Archeologica di competenza sulla nostra zona Dott. Stefano Musco. 

Nel ringraziarlo per la disponibilità offertaci vogliamo sottolineare la grande importanza che un incontro di tal genere può avere per la nostra realtà e per l’archeologia. Valorizzare e salvaguardare il patrimonio archeologico della nostra zona (una delle più ricche della periferia romana) ha effetti non solo sul patrimonio della nostra zona ma ha anche ricadute sociali economici e culturali importanti per il nostro quartiere. 

Il dott. Musco ci ha riferito che questa zona è stata mappata interamente facendo i sondaggi grazie ai fondi per gli oneri di urbanizzazione. Attualmente restano in superficie alcuni ritrovamenti tra cui la Collatina antica che lambisce per buona parte il nostro quartiere. L'antica Collatina purtroppo oggi non è più visibile in quanto sommersa dalla vegetazione e dal stagni che si sono formati nel suo percorso. E' un peccato in quanto i ritrovamenti erano stati fatti pochi anni fa.

I temi in questione della riunione sono stati: 

  1. La discussione sullo stato dell’arte rispetto al parco  che la Master Engineering dovrebbe costruire nella convenzione M2 (dietro al centro commerciale),
  2. Stato e prospettive future della situazione della Collatina antica nei pressi del nostro quartiere
  3. Funzioni dei casali di Ponte di Nona destinati alla soprintendenza archeologica
  4. Possibili eventi futuri finalizzati alla diffusione delle conoscenze sulle ricchezze archeologiche della zona. 
In merito al primo punto Musco ci ha riferito che la Master Engineering avrebbe l'obbligo per l’accordo di programma basato sulla convenzione M2 di costruire, tra l’altro, un parco che, secondo il soprintendente, deve avere funzione archeologica nel senso di prevedere un recupero del tracciato della Collatina Antica e una creazione di arredi specifici alla sistemazione del parco stesso. Il nostro comitato farà richiesta di visione dei documenti attestanti tali obblighi del costruttore per la costruzione di un parco di cui peraltro non esiste ancora nemmeno un progetto. 

In merito alla via Collatina, la parte sottostante il ponte di via Capetti e che giunge al fosso Benzone fa parte della convenzione E1 in mano al consorzio Caltagirone. Lì non ci sarebbero obblighi di creazione di un parco ma il dott. Musco ha riferito tutta la sua amarezza per il fatto che un gioiello di bellezza unica come un’antica strada romana intatta che attraversa un bosco “per molti tratti simile alle foreste del nord” sia lasciato abbandonato a sé stesso. “Se fossimo in un altro paese….”si sarebbe salvaguardato, valorizzato e creato un parco di una bellezza e di una cultura infinita (n.d.r). In merito a questo noi non possiamo far altro che essere d’accordo e segnalare tale bellezza, provare a ipotizzare un progetto da fornire al servizio giardini in previsione della consegna dell’area a tale ente. 

In merito ai casali, Musco ci riferisce che sono stati dati in proprietà al demanio comunale con obbligo di utilizzo da parte della soprintendenza. Quindi tutti i casali (di cui poi uno è stato concesso all’associazione Papillon) sono gestiti dalla soprintendenza la quale nel più grande dei due ha laboratori, sale riunioni, reparto antropologico, magazzini e foresteria per archeologi che vengono a studiare il nostro territorio dall’estero. In progetto era previsto l’utilizzo di tale struttura anche a fini museali, ma le difficoltà di gestione hanno costretto a rimandare un tale progetto. Musco però non ha escluso la possibilità di una sala museale (magari basata su elementi digitali). 

In merito alle iniziative possibili per sviluppare le conoscenze archeologiche della nostra zona si è parlato di diverse cose tra cui una conferenza sui gioielli ritrovati nella zona tra ponte di nona, lunghezza e Castelverde e la possibilità di organizzare visite alla via Collatina con l’ausilio di guide archeologiche. E’ nostro obiettivo sostenere anche tali eventi.

Carmine D'Anzica

lunedì 11 giugno 2012

"Mamme laboriose" al Casale rosso: festa e mercatino


Mamme Laboriose

e la Biblioteca del Casale Rosso-Ponte di Nona

fanno festa

Venerdì 15 GIUGNO ALLE 17.00

Facciamo festa insieme ai nostri bambini nel Parco della Biblioteca del Casale Rosso (Via Chiodelli n.103)
-ogni mamma porterà una torta dolce o salata e una bibita

fanno il mercatino —> GUARDA LE REGOLE!!

scambio di giocattoli e vestitini per bambini
-i giocattoli e i vestitini vanno consegnati entro il 13 giugno ad Elisa chiamando il numero 393.4715345.
Per info scrivete a  info@mammelaboriose.it

I vostri bambini crescono a vista d’occhio e non sapete più dove mettere i vestitini ormai piccoli?
I giochi riempiono tutti i cassetti?
Avete voglia di conoscere altre famiglie?

Venite a scoprire il MERCATINO DEL BARATTO!
Il MERCATINO DEL BARATTO nasce dal desiderio di MAMME LABORIOSE di creare un’occasione per scambiare vestiti, giochi e accessori per bambini da 0 a 10 anni che spesso vengono buttati via ancora in ottimo stato. Mamme Laboriose ha organizzato una festa per tutta la famiglia nel bel giardino della Biblioteca Casale di Ponte di Nona e, in quel contesto si darà luogo al mercatino di scambio.
Alcune regole per il baratto …
COSA POSSO BARATTARE?
Tessile (vestiti, intimo, lenzuoli, accessori per lettini e culle, libri tattili e oggetti di stoffa), Scarpe, Giocattoli (fino a tre anni tutto, oltre i tre anni solo costruzioni, puzzle e libri), Libri e riviste (per bambini, per adulti sulla cura del bambino, di pedagogia, psicologia, sulla genitorialità e la famiglia).
MODALITÁ DI CONSEGNA DEL MATERIALE
Gli oggetti da barattare si possono consegnare entro mercoledì 13 giugno a Elisa chiamando il numero 393.4715345.
Alla consegna del materiale vi verrà rilasciata una ricevuta che potrà essere utilizzata per effettuare lo scambio il giorno della festa.
Per chi non riuscisse a consegnare prima il materiale per lo scambio può portarlo direttamente alla festa.
… IL BARATTO-LINO:
i bambini più grandi, con l’aiuto di mamma e papà, potranno provare a scambiare libri, puzzle, peluche, macchinine, pattini … che non usano più con qualcosa che attira la loro attenzione!
VI ASPETTIAMO
venerdi 15 giugno dalle 17
presso la Biblioteca Casale di Ponte di Nona Giulio Salerno via Raoul Chiodelli 103!

lunedì 4 giugno 2012

Novità emergenza scuola: due nidi e una materna, Di Cosimo riferisce al Comitato


A seguito dell'assemblea pubblica sui problemi dei nidi, delle materne e della scuola primaria nel nostro territorio, nella quale sono state presentate specifiche richieste alle istituzioni, l'on. Marco Di Cosimo,  Consigliere Comunale, Presidente della Commissione Urbanistica di Roma Capitale, ci ha convocato per riferirci che si sta muovendo per affrontare le numerose problematiche emerse. L'assemblea pertanto sta portando i primi frutti sperati anche se c'è ancora molto da fare.

Innanzitutto Di Cosimo, dopo aver sentito l'assessore De Palo, ci ha riferito che a settembre dovrebbe aprire finalmente l'asilo nido Comunale Oscar Romero. La struttura era già pronta ma doveva essere risolto il problema della cucina. Mancano ancora gli arredi ma vista l'emergenza nel nostro territorio, speriamo che sia tutto pronto, come ci  ha riferito Di Cosimo, per settembre prossimo. La struttura non era messa a bando, pertanto riteniamo che si dovrà in qualche modo fare un mini bando o qualcosa del genere. 

Altra buona notizia riferita da Di Cosimo: entro luglio dovrebbero partire la ruspe per la costruzione di un altro nido con gli oneri a scomputo della Convenzione M2, quella del Centro commerciale, per intenderci.

Ricordate, anche leggendo queste pagine, che queste erano state due specifiche richieste del nostro Comitato!

Per quanto riguarda la questione materne, Di Cosimo si sta attivando per far costruire una scuola materna, a Colle degli abeti, alla fine di Via mejo de gnente, quindi vicino anche a nuova ponte di nona, mediante gli oneri a scomputo. Entro la fine di questa settimana dovremmo avere notizie più aggiornate sulla vicenda.

Dal Cdq Colle degli abeti ci è giunta notizia che il dirigente dell'IC Ponte di nona vecchio metterebbe a disposizione alcune aule della scuola di Via Prampolini per l'emergenza scuola materna. Incredibilmente lì sono presenti molte aule inutilizzate (Clicca qui per maggior info) che attualmente sono state assegnate come succursale dell'IC di ponte di nona vecchio. La cosa ha dell'incredibile perché l'IC Nuovo ponte di nona ormai ha fatto registrare il tutto esaurito e nel 2013 ci saranno difficoltà ad a ammettere tantissimi bambini, in quella scuola. Dal momento che sarebbe assurdo che gli abitanti di nuova ponte di nona  siano costrertti a iscrivere i propri figli a ponte di nona vecchio, ci attiveremo affinché vengano adottate idonee soluzioni.

In definitiva, se le soluzioni prospettate dovessero andare a buon fine, saremmo molto contenti e soddisfatti per quanto riguarda la questione dei nidi. Un nido subito e un altro in costruzione! Per quanto riguarda le materne attendiamo con ansia l'ufficialità della costruzione della scuola materna. E' tutto da affrontare il problema delle iscrizioni alla scuola primaria presso l'IC Nuovo ponte di nona per l'anno scolastico 2013/2014.

Il Comitato di quartiere monitorerà l'attuazione di quanto riferito dai politici e dalle istituzioni e terrà informati i cittadini sull'evolversi della vicenda.

Designazione cariche di Presidenza Direttivo del CdQ

P.R. CDQ: Facendo seguito l’esito delle votazioni del Consiglio Direttivo del Comitato di quartiere  ‘Nuova Ponte di Nona’  dello scorso ...